Comune di Stazzema (LU) - sito ufficiale
Sede comunale: Piazza Europa, 6 - 55040 Pontestazzemese (LU) - tel. 0584.77521 | 24 aprile 2017 | comune.stazzema@postacert.toscana.it

Sei in:  home » uffici » Servizi Demografici » STATO CIVILE » scheda prestazione

Dichiarazione di Morte

Oggetto della prestazione

La dichiarzione riguarda  i decessi avvenuti nel territorio del Comune di Stazzema

Eventuali altri uffici coinvolti nell'erogazione del servizio

Az. USL n. 12 di Viareggio

Autorita' Giudiziaria

Modalità di richiesta

Morte avvenuta in casa
Immediatamente dopo il decesso i congiunti devono:
- avvisare il medico curante che dovrà compilare il certificato ISTAT;
- avvisare l'Az. USL n. 12 di Viareggio che provvedera' ad inviare il medico necroscopo o altro medico incaricato. Il medico dovrà accertare il decesso non prima di 15 ore e non dopo 30 ore dalla morte;
- denunciare la morte presso l'Ufficio di Stato civile del Comune dove è avvenuto il decesso.


Modalità e tempi di erogazione del servizio
  1. La dichiarazione di morte deve essere effettuata, entro 24 ore dal decesso, all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dov'è avvenuta la morte.
  2. La morte deve essere certificata dal medico curante, il quale ne attesta le cause (Mod. Istat D4 o D5).
  3. Trascorse 15 ore dal decesso, il medico necroscopo (medico U.S.L.) rilascia l'accertamento di morte.
  4. Dopo 24 ore dal decesso (o 48 ore nel caso di morte improvvisa) l'Ufficiale di Stato Civile, previa acquisizione dell'accertamento di morte, rilascia il permesso di seppellimento necessario per la tumulazione della salma.
  5. Nel caso di morte Violenta provvede l'Autorita' Giudiziaria 


Documentazione da presentare
  • Certificato di decesso compilato dal medico curante o dalla guardia medica su apposito modulo che attesti l’avvenuto decesso e la causa di morte
  • certificato di accertamento di morte compilato dal medico necroscopo
  • scheda di morte (Modello ISTAT D/4) compilato dal medico curante nella parte riguardante le cause del decesso. E’ reperibile dal medico o presso l’Ufficio Statistica del Comune dove è avvenuto il decesso

 

Contributi a carico dell'utente

N. 2 marche da bollo più i diritti di segreteria.

Eventuali note per l'utente

Morte avvenuta all'estero
I congiunti devono comunicare immediatamente l'avvenuto decesso al Consolato Generale o all'Ambasciata Italiana, per ottenere il nullaosta del rimpatrio della salma. I congiunti possono interpellare anche una associazione o impresa funebre del Comune dove si intende trasportare la salma, per consulenza sulle pratiche da svolgere in Italia e sull'eventuale trasporto per il rimpatrio della salma (via aerea, per mezzo di auto funebre, via mare). L'impresa di fiducia può indicare una impresa funebre locale che opera sul posto.

Leggi e norme di riferimento

D.P.R. n. 396 del 3 novembre 2000

Responsabile del procedimento Enzo Guidi
Pagina aggiornata il 24/08/2010 da Enzo Guidi
Sito web realizzato da SPAD srl | Scrivi al Webmaster
Content Management System: Openpage