Che documenti mi servono per fare la dichiarazione di nascita?

La dichiarazione di nascita può essere resa:

– entro tre giorni dall’evento, presso la direzione sanitaria dell’ospedale o casa di cura ove è avvenuto il parto (in caso di bambino nato morto o deceduto prima della denuncia di nascita, la competenza a ricevere la dichiarazione è esclusivamente dell’ufficiale dello stato civile del comune di nascita). Ai fini della trascrizione, la dichiarazione effettuata presso la struttura sanitaria è trasmessa all’ufficio di stato civile del comune nel cui territorio è situato il centro di nascita o, su richiesta dei genitori, al loro comune di residenza.

– entro dieci giorni dall’evento, dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile del Comune del luogo di nascita o di residenza dei genitori. Nel caso in cui i genitori non risiedono nello stesso Comune, salvo diverso accordo tra loro, la dichiarazione di nascita è resa nel Comune di residenza della madre;

– dopo più di dieci giorni dalla nascita, l’Ufficiale dello Stato Civile può riceverla solo se vengono espressamente indicate le ragioni del ritardo. Del ritardo sarà data segnalazione al Procuratore della Repubblica di Lucca.

Indipendentemente dal luogo di registrazione della nascita, l’iscrizione anagrafica del bambino verrà effettuata nel Comune di residenza della madre.

 

Chi può rendere la dichiarazione

La dichiarazione può essere effettuata da:

– uno od entrambi i genitori congiuntamente (se i genitori non sono tra loro uniti in matrimonio e intendono provvedere al riconoscimento del figlio, devono sottoscrivere entrambi la dichiarazione di nascita);

– un procuratore speciale dei genitori;

– medico od ostetrica che hanno assistito al parto, nel caso di mancato riconoscimento del figlio, rispettando, secondo quanto previsto dalla normativa italiana, la volontà della madre di non essere nominata.

-altra persona che ha assistito al parto

 

Documentazione da presentare

1. Attestazione di nascita rilasciata dal medico o dall’ostetrica che ha assistito al parto. Qualora non vi sia stata assistenza di personale sanitario, potrà essere presentata in alternativa una dichiarazione sostitutiva di autocertificazione.

2. Documento d’identità in corso di validità.

I cittadini stranieri devono presentarsi con il passaporto o documento equipollente in corso di validità rilasciato dal Paese di appartenenza.

Il nome del minore

Il nome deve corrispondere al sesso del bambino e può essere composto da più elementi onomastici, anche separati, per un massimo di tre (es: Rossi Gino Alberto). Per i nati dopo il 1° Gennaio 2013, nel caso in cui siano imposti due o più nomi separati da virgola (es: Rossi Gino, Alberto), negli estratti/certificati ed in ogni altro documento sarà riportato solo il primo di questi o, comunque solo i prenomi che precedono la virgola (nell’esempio sopra il nome che apparirà sarà solo Gino).

È vietata l’attribuzione:

a) del nome del padre, del fratello o della sorella viventi;

b) di un cognome come nome;

c) di nomi ridicoli o vergognosi.

Il cognome del minore

La Corte costituzionale, con sentenza del 27 aprile 2022, si è pronunciata in materia di “attribuzione del cognome alla nascita” prevedendo come regola, a partire dal 1° Giugno 2022, che i figli assumano il cognome di entrambi i genitori, nell’ordine da loro concordato.

I genitori possono comunque, sempre di comune accordo, scegliere di attribuire ai propri figli il solo cognome paterno o il solo cognome materno.

(es: Rossi Mario e Bianchi Lucia possono decidere di attribuire al proprio figlio quale cognome:

a) Rossi Bianchi OPPURE Bianchi Rossi “doppio cognome”

b) Rossi “solo cognome paterno”

c) Bianchi “solo cognome materno”).

Cognome e nome dei cittadini stranieri

La scelta del cognome e nome per i cittadini stranieri è regolata dalla legge del Paese di cui sono cittadini, e sono i genitori che dichiarano, sotto la loro responsabilità, che il cognome e nome prescelto sono conformi alla normativa vigente nel loro Paese.

Nel caso di errori, potranno rettificare il nome e/o il cognome con attestazione consolare successivamente.

Se i genitori non conoscono la lingua italiana devono essere accompagnati da un interprete.

Attenzione Attenzione

Il template di questa pagina non è ancora disponibile.

Nel frattempo, puoi controllare se è stato rilasciata la versione statica

Pagina aggiornata il 25/08/2023

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Preferenze cookie
Accetto
Rifiuto
Preferenze cookie
Informativa cookie
Nome cookie Attivo

Informativa sui Cookie

Un “cookie” è un piccolo file di testo creato sul computer dell'utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, con lo scopo di immagazzinare e trasportare informazioni. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell'utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) e memorizzati sul computer di quest'ultimo; vengono, quindi, re-inviati al sito web al momento delle visite successive. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti.

Cookie del Titolare

Il sito utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi dell'art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell'interessato. Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.  

Disabilitazione dei cookie

Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l’utente può eliminare gli altri cookie direttamente tramite il proprio browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L’utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i link sottostanti.
Salva impostazioni
Preferenze cookie